Valori

Valori
Competenza Il Management della SGR ha maturato importanti e significative esperienze nel settore del Real Estate e in ambito bancario e finanziario, che vengono messe al servizio degli investitori nella fase di strutturazione e nella gestione dei FIA
Affidabilità e trasparenza I nostri team dedicati operano seguendo un processo di selezione degli investimenti e di gestione dei portafogli formalizzato e trasparente, allineato alle best practices nazionali e internazionali, puntando su un approccio multidisciplinare, con expertise diversificate e modelli organizzativi efficienti e garantiti.
Gestione attiva degli asset Le nostre strutture sono in costante ascolto delle esigenze degli investitori e delle indicazioni aggiornate del mercato: selezioniamo gli asset più adatti per costruire prodotti che soddisfino le esigenze dell’investitore. Presidiamo costantemente tutti gli asset in gestione al fine di massimizzarne il valore. Le dimensioni della SGR sono tali da consentire una forte vicinanza al cliente.
Presidio e contenimento dei rischi Le strategie di investimento sono orientate al contenimento della leva finanziaria e al frazionamento del rischio e prevedono portafogli immobiliari ampiamente diversificati. La struttura organizzativa e il sistema di controlli sono integrati da competenze specialistiche e da primari outsourcer esterni.
Sostenibilità

Comunicazione ai sensi degli art. 3, 4, 5 del Regolamento (UE) 2019/2088 (c.d. "SFDR2")

Art.3 Trasparenza delle politiche in materia di rischio di sostenibilità
BLUE SGR intende adeguarsi al quadro mondiale per lo sviluppo sostenibile indirizzando le proprie scelte di investimento verso obiettivi di sviluppo di sostenibile.
L'impegno di Blue SGR nell’ambito degli investimenti sostenibili si concretizza l’avvio di un assessment volto alla adesione al GRESB per alcuni dei fondi gestiti dalla Società, al fine di vedere riconosciuti gli sforzi della SGR tramite l’inserimento in un benchmark internazionale e potersi confrontare in un’ottica di miglioramento continuo. Tali obiettivi saranno utilizzati come standard di riferimento per i fondi d'investimento.
Un chiaro engagement della Società rappresenta un fattore critico di successo per il miglioramento delle azioni e dei risultati attesi, imponendo una spinta ad assumere un ruolo di leadership nell’impact industry italiana attraverso un costante impegno al miglioramento. L’obiettivo di integrazione della sostenibilità nella azione della Società si riflette su più livelli, tra loro interconnessi: prodotti i processi e l’organizzazione.
Blue SGR considera, quindi, di fondamentale importanza l'integrazione dei fattori ESG nel proprio processo di investimento nella convinzione che questi elementi, oltre a favorire uno sviluppo economico e sociale sostenibile, possano contribuire positivamente ai risultati finanziari dei portafogli dei clienti riducendone, al contempo, i rischi.
L’integrazione dei criteri ESG nella strategia può infatti generare profitti sostenibili nel tempo e, di conseguenza, una solida prospettiva di creazione di valore per tutti gli stakeholder. Ciò consente anche una gestione più efficiente dei rischi, finanziari, ambientali e sociali, che possono incidere negativamente sulla creazione di valore dei singoli investimenti. Pertanto, individuare e gestire i rischi ambientali, sociali e di governance fa parte del dovere fiduciario di tutelare il valore del patrimonio degli investitori.
Blue SGR ha avviato un processo volto all’integrazione di pratiche di investimento sostenibile nelle proprie strategie, ritenendo che questi aspetti debbano essere considerati, insieme alle tradizionali misure finanziarie, per fornire una visione più completa del valore, del rischio e del potenziale di rendimento degli investimenti.
Art.4 Trasparenza degli effetti negativi per la sostenibilità a livello di soggetto
La Società, in ottemperanza all’art. 4 del Regolamento UE 2019/2088 (“SFDR”) relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari, ha deciso di adottare un approccio di “explain” alla considerazione dei principali effetti negativi delle proprie decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità ESG (Environment, Social, Governance).
La Società comunica che sebbene, in linea generale, nelle proprie decisioni di investimento tenga in considerazione i principali effetti negativi sui fattori di sostenibilità, la stessa allo stato attuale, non è in grado di fornire l’informativa di cui all’art. 4, comma 1, lett. a), della SFDR, come dettagliata all’art. 4, comma 2, della SFDR. Ciò in ragione della circostanza che, al momento, non è stato possibile individuare, prioritizzare e, dunque, misurare in maniera oggettiva i principali effetti negativi delle proprie decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità (i.e. le problematiche ambientali, sociali e concernenti il personale, il rispetto dei diritti umani e le questioni relative alla lotta alla corruzione attiva e passiva), stante la mancata definizione di indicatori e metriche puntuali mediante i quali verificarne il grado di probabilità della manifestazione nonché l’intensità e l’eventuale carattere irrimediabile. La Società mantiene un approccio proattivo nella definizione degli indicatori e metriche con cui determinare i sopra menzionati impatti negativi, monitorando anche l’evoluzione delle disposizioni normative di riferimento. Sarà cura della SGR fornire tempestivamente aggiornamenti su tale aspetto.
Art. 5 - Trasparenza delle politiche di remunerazione e incentivazione relativamente all’integrazione dei rischi di sostenibilità
La SFDR prevede che la SGR includa nelle proprie politiche di remunerazione e incentivazione informazioni su come le stesse siano coerenti con l’integrazione dei rischi di sostenibilità.
La SGR ha avviato la procedura di revisione delle proprie politiche di remunerazione e incentivazione al fine di rendere più evidente la correlazione del sistema incentivante con il perseguimento degli obiettivi in termini di gestione del rischio di sostenibilità.
Per maggiori dettagli sulla gestione dei rischi ESG si vedano le informazioni sulla politica in materia di rischio di sostenibilità di cui all’art. 3 SFDR.
Torna su